Mercatini dell'usato: la licenza TULPS
Ciao, sono Alessandro Giuliani.

Posso inviarti informazioni, consigli e approfondimenti, tutti incentrati sul mondo dell'usato.
Che ne dici? Mi lasci i tuoi dati?

Li userò con estrema cura
(potrai interrompere il servizio in ogni momento).
Nome:
Cognome:
E-mail:
Approvazione Privacy Policy
Cerca nel sito
Cerca:
Principale
Software Mercatino
Aprire un mercatino
Guida all'apertura
Mercato
Il mercato dell'usato
Usato on line
Imprenditori dell'usato
La filiera dell'usato
Storia dell'usato
Trend dell'usato
Fiscali e burocratici
Vendita audiovisivi
Agenzia d'affari
Atecofin e studi di settore
Registro affari
Fiscalità di un mercatino
Iva e fatture
Start up
Nome del mercatino
Franchising mercatino
Il locale per un mercatino
Business plan mercatino
Finanziamenti mercatino
Sistema mercatino
Contovendita e acquisto
Mandato di vendita
Provvigioni usato
Promozioni e sconti
Garanzia sull'usato
Redditività mercatino
Chiusura mercatino
Lifestyle
Acquistare usato
Vendere usato
Atmosfera secondhand
Citazioni sull'usato
Argomenti
Mercatino e Marketing
Domande frequenti
Proposte di legge
Una legge per l'usato
Usato Camp
Progetti
Professionisti del riuso
Festival del Riuso
Rete ONU
Recyproco
Attività
I miei speech
La mia formazione
Experience
Usato e televisione
Qualcosa di me
Chi sono
Diario di viaggio
Newsletter
Extra
Mappa Xml
Cerca nel sito
Le tue domande
Rss Argomenti
Condizioni di utilizzo
Prodotti



Newsletter

Inserisci i tuoi dati per ricevere periodici consigli e informazioni
 

Ci sono 3 utenti on line!


La licenza TULPS
Domenica 06 Settembre 2009

licenza tulpsL'attività di mercatino dell'usato che utilizza il sistema del contovendita, quindi impostata come Agenzia Pubblica d'Affari, può essere esercitata solo dopo aver ottenuto la relativa licenza del Questore.

Per l'ottenimento di tale licenza la legge prevede che l'interessato abbia dei requisiti personali specificati dagli articoli 11 e 12 del R.D. 18 giugno 1931, n. 773. Sottolineo che la licenza va sempre richiesta da una persona fisica, che diventa quindi il rappresentante se l'attività verrà esercitata da una società.

Vanno quindi tenute in considerazione anche le cause di divieto, decadenza o sospensione di cui all’art. 10 della Legge 31.5.1965, n. 575 e successive modificazioni.

Nello specifico, tali requisiti fanno riferimento a carichi penali pendenti e all'istruzione obbligatoria dei figli minori e vengono, con le attuali normative, autocertificati.

Da notare che anche un cittadino non italiano in possesso di regolare permesso di soggiorno può attivare un'Agenzia d'Affari.

Per quanto indicato nel TULPS la licenza viene rilasciata dal Questore, quindi l'attività è di competenza della Questura.

Ma le cose cambiano quando si fanno i conti con l'aggiornamento delle normative.

L'articolo 163 del Decreto Legge 31 Marzo 1998, n. 112 trasferisce infatti ai Comuni, fra le altre funzioni e compiti, quelli relativi al rilascio delle licenze concernenti  le agenzie d'affari di cui all'art. 115 del TULPS.

Il decreto legge del 14 Marzo 2005, n. 35 sancisce all'articolo 3 il concetto di Dichiarazione di Inizio Attività (DIA), da presentare  all'amministrazione comunale, che può approvarla anche tramite silenzio assenso. 

Inoltre fissa i termini di avvio dell'attività decorsi 30 giorni dalla presentazione della DIA. In realtà questa impostazione era già stata introdotta dalla legge 241/90.

Va annotato che le Questure non si sono subito adeguate a tale normativa, soprattutto nelle Regioni a Statuto Speciale, creando delle situazioni di "rimbalzo" tra un ufficio e l'altro.

Legge 241/90 - articolo 19

Decreto Legge 14 Marzo 2005, n. 35 - articolo 3

Ma nell'evoluzione della normativa il legislatore ha dimenticato una cosa: che dire dell'articolo 116 del TULPS che indica che il questore, sentito il consiglio provinciale dell’economia corporativa, può subordinare il rilascio della licenza al deposito di una cauzione, determinandone la misura e la forma in cui deve essere prestata?

Molto spesso i Comuni richiedono ugualmente tale cauzione. In seguito ad un quadro normativo completamente modificato dal susseguirsi di innovazioni dettate nell’ottica della semplificazione amministrativa e di una ridefinizione dei confini della materia di pubblica sicurezza, ritengo che il deposito della cauzione disposto dall'articolo 116 del TULPS non debba più essere costituito.

Riporto una delibera comunale e una bozza di istanza per lo svincolo dell'eventuale cauzione già versata e redatta dall'Avvocato Pietro Amico.

Delibera Consiglio Comunale di Tolentino (MC)

Istanza di svincolo cauzione

Infine preciso che, in base a quanto disposto dall'articolo 115 del TULPS, la licenza vale esclusivamente per i locali in essa indicati. Ritengo importante sottolineare che, in caso di trasferimento dell'attività, è necessario presentare una nuova DIA.







Contenuti correlati che potrebbero interessarti:


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, su Facebook o premi "+1" per suggerire questo contenuto alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti mi aiuta a crescere. Grazie!