Iva e fatture per il mercatino dell'usato
Cerca:
CHI SONO
OPINIONI
CONTATTI
CHIUDI
Cerca:
iva e fatture mercatino

Iva e fatture al mercatino dell'usato

Un mercatino dell'usato, o meglio un'agenzia d'affari per la vendita contoterzi di oggetti usati, è un'attività imprenditoriale come molte altre, anche dal punto di vista fiscale. Quando un mercatino di questo tipo vende un oggetto, lo fa in nome e per conto di un soggetto privato, con il quale ha stipulato un mandato di vendita. La vendita è come venisse effettuata da un privato e non è quindi soggetta a scontrino fiscale. Al momento della vendita il mercatino diventa custode della somma incassata, fino al momento del rimborso.

Quando la somma incassata verrà rimborsata, la parte del cliente venditore è considerata fuori campo iva e per il venditore non va prevista alcuna formalità fiscale. L'agenzia d'affari, invece, provvederà a emettere una fattura, scorporando l'Iva dalla provvigione.



Pubblicato il: 10/01/2015

Iva al 10% per l'usatoLa clausola di salvaguardia introdotte nella legge di stabilità, spaventa non poco gli operatori professionali dell'usato, per la possibilità, se la spending review non otterrà gli effetti desiderati, di veder aumentare l'Iva al 24% nel 2016, al 25% nel 2017 e al 25,5% nel 2018.

Gli operatori professionali dell'usato che lavorano in conto vendita, operano con il sistema delle provvigioni dalla quale devono scorporare l'Iva, che è attualmente del 22%.

Pubblicato il: 28/08/2009

scontrino fiscale mercatinoSe sei già stato in un mercatino dell'usato, organizzato come Agenzia d'Affari, avrai sicuramente notato che, per gli acquisti, non viene rilasciato lo scontrino fiscale.

Tale modo di operare è assolutamente corretto in quanto l'agenzia d'affari (il mercatino) non è un esercizio commerciale e opera a mezzo di una licenza di pubblica sicurezza; per effetto di un contratto di mandato vende per conto di un soggetto privato.

Pubblicato il: 27/08/2009

fatture-mercatinoL'agenzia d'affari è un'attività imprenditoriale come molte altre e fiscalmente è impostata come un'azienda di servizi: un privato porta al mercatino dell'usato degli oggetti usati e richiede la prestazione di un servizio, ovvero l'esposizione e la vendita del suo oggetto.

Pertanto il mercatino dell'usato, quando prende in carico gli oggetti usati di un privato, si propone come un'azienda che offre il servizio di intermediazione e per il quale il suo compenso è rappresentato da una provvigione.



Ribaltamento dell'Iva

Alcuni mercatini dell'usato applicano un sistema di ribaltamento dell'Iva al cliente acquirente. In pratica il prezzo di vendita viene aumentato dell'Iva - normalmente di competenza del titolare - generando di fatto un aumento della provvigione netta.



condividi su: