Storia dell'usato
Ciao, sono Alessandro Giuliani.

Posso inviarti informazioni, consigli e approfondimenti, tutti incentrati sul mondo dell'usato.
Che ne dici? Mi lasci i tuoi dati?

Li userò con estrema cura
(potrai interrompere il servizio in ogni momento).
Nome:
Cognome:
E-mail:
Approvazione Privacy Policy
Cerca nel sito
Cerca:
Principale
Software Mercatino
Aprire un mercatino
Guida all'apertura
Mercato
Il mercato dell'usato
Usato on line
Imprenditori dell'usato
La filiera dell'usato
Storia dell'usato
Trend dell'usato
Fiscali e burocratici
Vendita audiovisivi
Agenzia d'affari
Atecofin e studi di settore
Registro affari
Fiscalità di un mercatino
Iva e fatture
Start up
Nome del mercatino
Franchising mercatino
Il locale per un mercatino
Business plan mercatino
Finanziamenti mercatino
Sistema mercatino
Contovendita e acquisto
Mandato di vendita
Provvigioni usato
Promozioni e sconti
Garanzia sull'usato
Redditività mercatino
Chiusura mercatino
Lifestyle
Acquistare usato
Vendere usato
Atmosfera secondhand
Citazioni sull'usato
Argomenti
Mercatino e Marketing
Domande frequenti
Proposte di legge
Una legge per l'usato
Usato Camp
Progetti
Professionisti del riuso
Festival del Riuso
Rete ONU
Recyproco
Attività
I miei speech
La mia formazione
Experience
Usato e televisione
Qualcosa di me
Chi sono
Diario di viaggio
Newsletter
Extra
Mappa Xml
Cerca nel sito
Le tue domande
Rss Argomenti
Condizioni di utilizzo
Prodotti



Newsletter

Inserisci i tuoi dati per ricevere periodici consigli e informazioni
 

Ci sono 2 utenti on line!


La storia dell'usato



Pubblicato il: 10/08/2008

origini mercatinoIl mercatino dell'usato, con il sistema del contovendita, è stato importato in Italia negli anni '90, sul modello di un'azienda francese - Troc - che, guidata da Jean Pierre Budier, creò il primo negozio basato su questo sistema già nel 1982, per iniziare a proporre un franchising nel 1987.  

In Italia la cultura secondhand fu inizialmente snobbata sia per un fatto culturale, sia per un'errata impostazione dei punti vendita. Capannoni industriali buii e freddi, strapieni di superfluo accatastato. Il motto era: più roba hai, più vendi!






Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, su Facebook o premi "+1" per suggerire questo contenuto alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti mi aiuta a crescere. Grazie!